Ex Libris 380 (come diceva Truffaut?)

Kitano Takeshi: Ho già sentito molti altro dirlo, ed è vero anche per me: in ogni nuovo film cerco di realizzare qualcosa di diverso, ma quando vedo il risultato finale mi rendo conto che ho fatto un’altra volta esattamente lo stesso film. Forse non esattamente lo stesso, ma credo che se un ispettore di polizia lo vedesse direbbe: “Non ci sono dubbi, Kitano, ci sei tu dietro questa faccenda, le tue impronte sono dappertutto!”


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...