Ex Libris 354 (storia di un elefante)

Se gli animali non venivano utilizzati per il lavoro o come cibo, erano impiegati a scopo di intrattenimento. […] J.T. Smith, nel suo Book for a Rainy Day, scrive di un elefante “legato con corde, condotto dai suoi custodi lungo la parte stretta dello Strand”. Il 6 febbraio 1826 l’animale, chiamato Chunee, non sopportò più la prigionia e, infuriato, fu sul punto di evadere dalla gabbia. una squadra di fucilieri della vicina Somerset House non riuscì ad abbatterlo, e un cannone fu usato inutilmente. Alla fine i custodi lo uccisero con una picca e l’elefante morì con centocinquantadue pallottole in corpo. Poi lo spirito commerciale di Londra se ne impossessò: fu messo in mostra al pubblico per qualche giorno finché divenne fetido, e a quel punto venne venduto come undicimila libbre di carne. In seguito se ne espose lo scheletro, che poi entrò a far parte dei reperti dell’Hunterian Museum del Royal College of Surgeon. Chunee fu finalmente cancellato da una bomba durante la seconda guerra mondiale.


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...