Ex Libris 323 (come un primate di nostra conoscenza…)

Quand’ero piccola e vivevo nel Maryland, il passero domestico era considerato un uccello “cattivo”. Non solo molesto, bellicoso e invadente, ma anche aggressivo, famigerato perché infastidiva e scacciava gli uccelli “buoni”: le rondini, per esempio, o i pettirossi, o gli scriccioli, e specialmente gli azzurrini.

[…]

Il passero domestico può essere a ragione etichettato come un teppista, un topastro con le piume, un esserino decisamente pernicioso e un assassino. Ma qualunque cosa se ne dica, quest’uccello resta un superbo invasore, abilissimo nell’insediarsi ovunque vada o quasi. Delle trentanove introduzioni di passero domestico conosciute, trentatré sono state un successo.


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...