It was 40 years ago this week

Il bello del ’77: il 21 ottobre usciva Bat Out of Hell; esattamente una settimana dopo usciva Never Mind the Bolloks. Non è un clash concettuale meraviglioso?

Il megarock pomp-wagneriano di Steinman e Meat Loaf contro il gesto situazionista/nichilista di McLaren e Rotten.

Todd Rundgren che aggiorna il muro del suono spectoriano contro il garage alla Nuggets/Stooges che sfocia nel neoprimitivismo diy.

Le suite di spudorata epica musical-giovanilistica contro le fiammate da 3accordi-3minuti.

La mitologia Peter Pan/teenage tragedy contro (per dirla con Greil Marcus) la negazione adorniana tradotta con basso/chitarra/batteria/urla.

Rundgren che sgasa con la chitarra con sublime sprezzo del pericolo truzzo e Steve Jones che strapazza la sua per estrarne suoni fotonici e definitivi.

Il polpettone che a suo modo onora e seppellisce Elvis (schiantatosi due mesi prima), il Giovanni Lindo inglese che glorifica, distrugge e fa risorgere dalle ceneri la musica giovane dell’ultimo quarto di secolo.

I viaggi in Harley-Davidson dentro e fuori l’inferno della frustrazione post-adolescenziale e i viaggi senza futuro dei reietti della Storia che reclamano il loro posto nel mondo.

Che dischi, signore e signori.

 


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...