Ex Libris 95 (a quattro zampe lungo l’Aurelia)

Zoo

E così si voltò, tornò alla città, e uno sgomento felice lo prese nel rivedere i colli abitati. Non era la città sconosciuta, lo era stata, ora non più, riconosceva le palme, e l’Aurelia, e i giorni. Era come se la collina avesse custodito tutto, tranne il tempo, per il suo ritorno. Città con due stazioni, una per partire e l’altra per tornare. Città che gli occhi perdevano, dapprima i colli delle ville e i pini, poi l’autostrada, e anche l’Aurelia, città che spariva se lui le andava incontro…

ma che, se ascoltiamo, tace,
proprio per esserci messi ad ascoltare.


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...