Ex Libris 84 (autunno)

Snapshot_20130316

 

Mentre il clima declinava dolcemente in un autunno temperato, mite come i vecchi dicevano di non ricordare da anni – per poi aggiungere, immancabilmente, che era il segnale di un inverno gelido e che sarebbe stato senz’altro tremendo per le loro povere ossa – l’usignolo cominciò a cantare di meno e a cercare di più il cibo, che cominciava a scarseggiare. Le farfalle morivano, cadevano a terra sbattendo le ali nella polvere, i coleotteri volavano via, chissà dove. Gli insetti deponevano uova immangiabili, nascoste secondo gli stratagemmi della loro specie: sacche, grappoli, accumuli tenuti incollati ai pertugi con il muco, con le ragnatele, con corazze dure come unghie. Le larve scavavano cunicoli nella terra umida, nei rami degli alberi, sotto le pietre, dove non si potevano raggiungere, e sui rami rimanevano solo le bacche, contese da uomini e animali.


2 risposte a "Ex Libris 84 (autunno)"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...