Ex Libris 82 (conchiglie)

Snapshot_20130302

 

Mi voltai: dalla parte opposta alla costa la necropoli di conchiglie si arrestava contro i fianchi di un edificio di dimensioni inconcepibili, anch’esso simile a una conchiglia a spirale. Dai suoi spalti si innalzavano arcate e pinnacoli di corallo, che sfidavano la forza di gravità in arabeschi intricati come riccioli di fumo, e sui suoi fianchi si aprivano enormi finestre, rotonde, ovali, a ogiva, bordate di madreperla e pietre scintillanti. Attorno alla cima altissima volteggiavano in circolo gigantesche sagome diafane e multicolori, lente e solenni, più simili a fiori sospesi nell’aria che a organismi animali.

«Ma che cos’è?» domandai in un sussurro.

«Il palazzo di un Sognatore, certamente. Dobbiamo allontanarci.»

Girai ancora una volta su me stesso. «Dove mi trovo? Cos’è questo luogo?»

«Pianeta Terra» sbuffò la voce «Sistema Solare. Via Lattea. La solita, vecchia roccia di sempre.»

Tacque un istante. «Benvenuto a casa. “Oh, splendido nuovo mondo!”»


2 risposte a "Ex Libris 82 (conchiglie)"

  1. Prego! ^_^

    Lungi da me mettere un certo messaggio in bocca all’autore, e del resto un romanzo, una volta pubblicato, appartiene ai suoi lettori… io ci ho letto anche un messaggio ecologista di fondo!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...