Ex Libris 66 (abitare (nel)le immagini)

[…] affacciandosi alla cinefinestra sul mondo, rischiando la deterritorializzazione, l’uomo del secolo nuovo è in ogni luogo perché vede ovunque. Jean Renoir ricordava di essere un “citoyen du cinématographe”, un abitante di immaginifiche città srotolate e confuse nel buio della sala. Il fascino sta nel riconoscersi vittime della stessa allucinazione: un turismo visivo che ci … More Ex Libris 66 (abitare (nel)le immagini)