These are the songs of my life: Mix Edition

In una rubrica che parla di canzoni, vorrei per una volta parlare di quel che vi passa in mezzo, del ponte che lega due mondi, diversi e adiacenti, coabitanti addirittura, nel caso di brani mixati l’uno nell’altro.
Il delicato momento di passaggio tra una traccia e quella dopo, croce e delizia di ogni dj, può trovare su disco momenti indimenticabili, laddove si azzecchi la magia misteriosa o epica di una transizione.
Due me ne vengono in mente, di mirabili: sul finire di Ghost in the Machine, il crepuscolare discendere di un viaggio segreto in tenebre temporalesche; nel mezzo di And the Glass Handed Kites il tripudiante sfociare di Special in The Zookeper’s Boy.


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...