Ex Libris 42 (compassione)

Una sera recitavo The Basic Training of Pavlo Hummel a Boston e ho incrociato un paio d’occhi tra il pubblico. Ho pensato: È incredibile, questo sguardo mi trapassa da parte a parte. Ho recitato tutta la sera per quegli occhi, offrendo loro ogni cosa. Ero impaziente di vedere di chi erano, e quando finalmente si è alzato il sipario a luci accese per gli applausi ho scoperto che appartenevano a un cane per ciechi. Il cane di una ragazza cieca. Non riuscivo a riprendermi dall’emozione: la compassione, l’intensità e l’intelligenza che c’erano in quegli occhi… Ed era un cane! Che razza di lavoro, l’attore!


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...